.
Annunci online

A Rangoon si muore perché si vuol essere “liberi”
post pubblicato in Diario, il 29 settembre 2007
 
                                                                                                       Alberto Caggegi


Kenji Nagai, fotografo giapponese, “immortala” la sua morte. 
Non riesco a scrivere, la visione di quel fotografo ucciso barbaramente mi ha “stordito”, ero davanti al mio sonnifero preferito quando sono apparsi quei frames, non sono riuscito più a dormire, impressionato non tanto dal rosso del sangue ma da quello delle “coraggiose tonache”, rosse tonache e nessun’arma se non l’infinita voglia d’essere “liberi”.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. libertà dittatura birmania rangoon

permalink | inviato da AlbertoCaggegi il 29/9/2007 alle 13:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Lirio Abbate non merita "il vuoto"
post pubblicato in Diario, il 6 settembre 2007

 Quando la mafia “sentenzia” la morte di un “uomo libero”, crea attorno ad esso un “vuoto”, lo stesso “vuoto” che l’allora Prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa avvertì e tentò di comunicare al “suo Stato”.
Sabato 8 settembre, alle 10e30 in Piazza Croci a Palermo, i giornalisti del Giornale di Sicilia, di fronte alla nuova, pesantissima intimidazione subita dal collega
Lirio Abbate, hanno organizzato un raduno, una “passeggiata” simbolica da intendere come richiamo contro le intimidazioni e per ricordare che i giornalisti siciliani non si sono mai piegati, di fronte alla violenza mafiosa, e non si piegheranno mai.



Diffondi questo post,
gli “uomini liberi” non meritano “il vuoto”!

Alberto Caggegi

Mala Manera "Hip Hop dalla Strada"
post pubblicato in Audiovisivamente, il 3 settembre 2007
Sfoglia agosto        ottobre
il mio profilo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca